Crea sito

Pesto di fave crude

Pesto di fave ORTAGGI di STAGIONE sara grissino

Il pesto di fave crude è un’ottima ricetta per assaporare tutto il meraviglioso aroma delle fave freschissime.

 

STAGIONALITA’ delle FAVE: da marzo a luglio

 

Le fave fresche sono saporite e si possono:

  • mangiare freschissime e crude con il pecorino
  • utilizzare per una gustosa ZUPPA
  • QUI come cucinare i loro baccelli
Pesto di fave ORTAGGI di STAGIONE
  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: zero Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 porzioni
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 100 g fave fresche sgranate (mezzo kg con baccello)
  • 40 g olio extravergine di oliva
  • 20 g noci brasiliane (o noci Lara)
  • 20 g pinoli (o altre noci)
  • 4 foglie menta (fresca)
  • 4 foglie basilico (fresco)
  • mezzo spicchi aglio
  • poco sale

Preparazione

  1. Sgranare le fave, tenere da parte i semi più piccoli per decorare il piatto.

    Nel mixer tritatutto inserire: la frutta secca, il sale, l’aglio sbucciato e senza anima ed iniziare a tritare.

    Quindi aggiungere: le fave sgusciate, le foglie fresche degli aromi e l’olio extravergine poco alla volta.

    Frullare fino ad ottenere una crema liscia e omogenea.

    Preparare la pasta

    Cuocere in abbondante acqua salata la pasta.

    In una ciotola con un mestolo di acqua di cottura allungare il pesto.

    Scolare la pastasciutta al dente e aggiungerla nella ciotola con il pesto di fave fresche, mescolare bene.

    Aggiungere a piacere olio extravergine a crudo, formaggio grattugiato e piccole fave fresche.

VARIANTI

  • frutta secca a scelta tra: anacardi, arachidi, noci, macadamia, mandorle, nocciole, pinoli, pistacchi…
  • erbe aromatiche fresche, meglio miste: basilico, erba cipollina, menta, origano greco, santoreggia, timo…

.

COME CONSERVARE

Conserva il pesto di fave crude in un contenitore ermetico, cospargi la sua superficie con un filo d’olio extra vergine d’oliva (per evitare il formarsi di muffe e l’ossidazione).

SI MANTIENE
  • una settimana in frigorifero
  • sei mesi in freezer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.